Abbacchio allo scottadito

Le Specialità della Reginella Ristorante Kosher Roma

L’abbacchio allo scottadito è senza dubbio uno dei piatti più emblematici della tradizione culinaria romana. Una ricetta che vanta centinaia di anni di storia ed affonda le sue radici nelle abitudini delle antiche popolazioni del Lazio, dedite all’allevamento ed alla pastorizia. Abbacchio è infatti il termine romanesco per indicare quello che è in realtà l’agnello da latte (di appena un anno di età), protagonista indiscusso della storia e della cucina della Capitale. Fu addirittura Varrone il primo a citare l’importanza dell’allevamento ovino nei terreni dell’Impero Romano, tenendo conto che la stessa città ospitava all’interno del Foro il grande mercato di abbacchi, castrati e pecore, attivo soprattutto nei mesi tra aprile e giugno. E dal I secolo a.C. ai giorni nostri, la tradizione culinaria romana è riuscita a conservare perfettamente il ruolo dell’agnello tramandando le ricette dell’abbacchio allo scottadito e dell’abbacchio alla cacciatora.

Stupisce pensare che nell’antichità l’abbacchio venisse considerato un piatto povero, destinato agli abitanti del ghetto ebraico ed ai romani meno abbienti, poiché identificato da tutti come carne di basso livello. Oggi invece le costolette di agnello sono considerate un piatto più che prelibato, preparate secondo una ricetta lunga decenni. Perché vengono chiamate “allo scottadito”? Perché devono essere servite e mangiate ben calde, il che sicuramente vi farà rischiare di scottarvi le dita!

Come preparare le costolette di abbacchio allo scottadito

Ingredienti:

  • Costolette di abbacchio
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Pepe
  • Aglio
  • Limone
  • Rosmarino

Per prima cosa, prendete le costolette e pulitele dalle parti in eccesso, poi battetele aiutandovi con un batticarne. Mettete la carne in una pirofila e condite il tutto con olio, sale, pepe e aglio finemente tritato. Aggiungete il rosmarino e lasciate le costolette a marinare nel condimento per almeno una trentina di minuti.

Una volta trascorso il tempo della marinatura, cominciate a scaldare una piastra in ghisa e, quando calda, disponete le costolette per cuocerle almeno 4/5 minuti per lato. Appena cotte, servitele caldissime…e degustate il vostro abbacchio allo scottadito!

Seguici su

La Reginella al Ghetto Ebraico di Roma